martedì 28 luglio 2009

Mostro o son desto

Questo è un post provvisorio... sarà cancellato appena avrò qualcosa più interessante da mostrare (a proposito è in cantiere una nuova borsa infeltrita con una nuova interpretazione dei quadratini a L..)
ma non divaghiamo.. innanzitutto è stata usata una stoffa inadatta per questo progetto.. e qui la colpa non è mia perchè la stoffa me l'hanno data...
perchè non adatta?
perchè per un progetto del genere ci voleva un tessuto almeno di medio peso se non un tipo jeans e non una cotonina leggera leggera...
a parer mio ci voleva inotre una fantasia e non una tinta unita..
le applicazioni sono state rese necessarie perchè altrimenti la cosa era proprio noiosa noiosa
il progetto in sè come modello è altrettanto sbagliato..
sono due ovali uno sull'altro..la fantasia avrebbe reso meno evidenti le problematiche incontrate nell'imbottitura, la stoffa pesante avrebbe reso più semplice lo stesso compito, idem con patate il modello che ha reso il collo estremamente ingestibile e penzolante..
non dite che è bello... dal vero è ancora peggio..

domenica 26 luglio 2009

El gato.. che sia in arrivo???

Una storia decisamente travagliata.. un work in eterno progress...

Mare aspettami....

Come tutti non vedo l'ora di andare in ferie.. e poichè almeno una settimana la passerò al mare (un mare molto nostrano - e soprattutto economico), ho voluto fare una alternativa alla borsa di spago con le perline marroni e beige dello scorso anno.
Anche questa volta il materiale è decisamente rustico, ho usato tre gomitoli sempre di spago, ma questa volta non di canapa ma di lino, quello che viene utilizzato per legare gli arrosti.
Per le decorazioni ho avuto le idee confuse per molto tempo, mi andava molto qualcosa di naturale e infatti, con il gentile aiuto del signor Notaio, ho utilizzato alcune delle conchiglie che ogni anno raccolgo per ricordo..
Questo periodo mi vede comunque abbastanza stanca.. al lavoro dovrebbe essere un periodo di tranquillità visto che la normale attività subisce una pausa estiva, e invece stanno sorgendo problemi su problemi.. mamma d'altro canto non è ancora a posto con la vista.. non sono cose serissime, ma collegate con il caldo e qualche problemuccio di salute personale mi "limano" non poco..
l'idea allora è di fare come questo signore sottostante... con calma e pazienza aspetterò che arrivino le tanto agognate ferie..
Buona settimana!

domenica 12 luglio 2009

Ho poca voglia di lavorare..

Per cominciare ringrazio tutti i commenti al mio precedente post..
ci sarebbero ancora tante cose da dire sull'argomento, ma per adesso lo lascio a tempi migliori...
......................................................................................................
questa appena passata è stata una settimana.. ecco ogni tanto mi capita... un periodo colloso.. ovvero cerco di fare qualcosa e mi sembra di essere incollata al pavimento, per cui ogni azione mi costa in fatica il triplo, pensieri compresi...

Eppure in questo periodo avrei ben due lavori da fare: una borsa per il mare dove ci stia tutto, ma proprio tutto tutto, telo enorme di spugna compreso, e un gatto di stoffa che mi è stato chiesto da mia cognata.. praticamente da due o tre mesi!!!
Il problema è che è un tipo di lavoro che non "sento" proprio (io faccio borse mica gatti!)... e quindi lo stò penosamente trascinando convincendomi che si, prima o poi lo farò...
che cognata snaturata sono!!!
L'unica cosa che mi è riuscita sono alcune sciarpette, anche perchè essendo dolente di cervicale ho assoluto bisogno di quel "nonnulla" da porre tra me e l'aria condizionata, (e vanno bene anche in questi giorni in cui si comincia la giornata con non più di 20 gradi).
Il principio cardine è: "niente di complesso", ovvero niente punti sia pur bellissimi ma poi non miscelabili con il mio abbigliamento super sportivo.
Quindi solo filet tanto che in due giorni ogni sciarpetta è bella e che fatta..
Una beige in cotone e seta, un quasi scialletto blu e uno bianco e un fularino con rimasugli bianchi e grigi (di un precedente) in un filato tratto dalla cellulosa (morbido e per niente freddo al tatto), poi tutto in lavatrice e ad asciugare (quando lavoro i gomitoli mi cadono ovunque.. )
Però vorrei fare qualcos'altro.

Slanciarmi verso nuovi orizzonti....

L'altro ieri ad esempio mi sono arrivati due libri che ho ordinato.
Di questo ne avevo trovato la versione originale (cinese o giapponese) in internet, ma la lingua era decisamente ostica...

Su questo invece ancora non mi pronuncio.. avevo molte aspettative ma i lavori prospettati sono miserini.. spero almeno che la parte tecnica sia migliore.

Che dire.. vorrei proprio poter fare come questa farfalla, cambiare le tecniche passando di lavoro in lavoro (ma evitando accuratamente quelli di casa)...

domenica 5 luglio 2009

Porta e filosofia...

C'è un detto che dice, più o meno, che "a casa dello scarparo ci sono le scarpe rotte", e infatti con tutte le borse che mi ritrovo non ho fatto per me neanche un beauty.. quindi ecco quello che, oltre ad essere il primo di quella che spero sia una discreta serie, è insieme stato un esperimento.
No, non si tratta nè di punti in costa davanti nè di altri punti in rilievo.. in realtà ho lavorato una lunga striscia composta da un giro a punto catenella, ci ho fatto poi un giro di punto bassissimo e svoltando il lavoro e andando a riprendere le catenelle sul lato non lavorato ho fatto due giri di punto basso..
ne è risultata una lunga fettuccia che poi è stata montata con il punto bassissimo usando dei rimasugli di cotone di colori vari, beige, marrone e poi avorio più chiaro.
E' ovvio che ci ho messo il quadruplo del tempo che ci avrei messo con un normale punto basso o un punto in rilievo, ma in questo periodo mi piacciono tantissimo i lavori con la paglia e volevo fare qualcosa che, anche alla lontanta o lontanissima, ne ricordasse la lavorazione.
Passando invece a cose più filosofiche oggi mi stavo domandando come e se il web cambi le persone, ovvero se ci stimoli a mostrare la parte migliore o peggiore, o non faccia alcuna differenza, oppure se invece enfatizzi la parte più "pallonara"...
proprio ieri sera ad esempio, in un forum riguardante la salute, ho assistito (da estranea) a quella che definirei una discussione finita a "badilate" e ormai ho ben chiaro (anche per esperienze precedenti ) che lo scrivere per alcuni non comporta alcuna riflessione o rilettura o automoderazione.
Francamente trovo che sia un peccato perchè se nella vita di tutti i giorni ciò che si dice può essere smorzato da un sorriso, un gesto, o una istantanea rettifica.. quante volte tutti noi non abbiamo salvato in extremis delle uscite fuori luogo.. nello scritto invece pensieri e affermazioni restano come macigni e come tali spesso seppelliscono gli altri o noi stessi.
***************
Comunque sdrammatizziamo.. per finire e augurare buona settimana agli eventuali visitatori ecco l'orgoglio del mio giardinetto di oggi

4,5 cm di pianta per 21 cm di gambo e fiore..
questo si che si chiama lavorare!!!