martedì 16 febbraio 2010

CONCORSO PER LETTRICI E NON LETTRICI

Con un terribile ritardo nei miei intendimenti finalmente ho pronti i premi del mio nuovo concorsino.. era da settembre che desideravo farne uno ma le cose si sono talmente accavallate, il lavoro è diventato praticamente surreale.. ma di questi tempi è meglio dire che "l'è cotta anche se l'è cruda!.. al peggio sembra non ci sia ancora fine... e quindi teniamoci ben stretto quel che c'è e cerchiamo di imparare l'imparabile....
Il concorsino presente è indetto per due categorie: LETTRICI (quelle iscritte nel presente blog e nel Ti Tu fino alla data di oggi) e le NON LETTRICI.
Questo è il premio per la categoria delle lettrici, una borsa non troppo grande e con tracolla breve in feltro (spiacente ma non mi sono fidata a farci tasche), con chiusura a strappo
Questo è il premio per la categoria delle non lettrici: portachiavi in feltro con modello ispirato dai bellissimi fiori in feltro e non che si vedono in rete recentemente.
Partecipare al concorso è semplicissimo: raccontate una delle cose più ebeti che avete fatto.. lasciando un commento nel presente post (poi divido io le lettrici da quelle non).
L'estrazione casuale tramite bigliettini avverrà domenica prossima e chiaramente sotto la supervisione e opera del signor Notaio.
........ ............ .............. ............ ............. ............. ..............
Sù non siate timide.. anzi se volete comincio io..
Proprio ieri io e il signor Notaio abbiamo scaricato un bancaletto di piastrelle (facendo i conti a posteriori circa 7 - 8 qt)..
L'idea era quella di trasportarle con il traspallet (leggasi: pedana con ruote e manico) giù per la rampa che conduce al garage (la rampa scende di 2 metri in circa 6-7 di lunghezza - questo per darvi l'idea della pendenza)...
A metà discesa le piastrelle hanno acquistato velocità e il tutto ci è "quasi" (dico quasi grazie all'opera di tutti i santi del Paradiso.. penso che ai nostri Angeli custodi siano venuti i capelli bianchi di colpo) sfuggito di mano..
Morale la Tilly si è spalmata sulla sua macchinetta (e fortuna che tengo il freno tirato anche in garage perchè la suddetta si è comunque spostata e se lo faceva di più centrava il frezer retrostante), mentre il signor Notaio rotolava come un birillo nello spazio rimanente del garage (la sua macchina era rimasta fuori)....
...... ............. ............. ............. ............ ............
... a tutt'oggi il signor Notaio vanta un bernoccolo e numerose sbucciature in zona gamba mentre la Tilly si è presa una nasata (fortunatamente lieve), una sbucciatura a un ginocchio e una storta colossale a un piede (la scarpa mi è letteralmente volata via)...
........... ............ .......... ........... .............. .........
Pausa di ringraziamento ai Santi di cui sopra e agli Angeli custodi)..
............
quindi se volete partecipare fatelo serenamente, ognuno di noi prima o poi fà qualcosa di veramente "irripetibile".. la fortuna è poi dopo poterlo raccontare con una risata!!!

12 commenti:

wonder perlina ha detto...

Ciao Tilly, sfortunatamente ho un senso del pudore particolarmente pronunciato. Posso dire che ho dimenticato nonna al supermercato e che ancora me ne vergogno. La borsa è proprio bella. Ciao a presto.

Recuperando ha detto...

Premetto che ultimamente vado al paese una volta l'anno cioè solo in estate!!
Passeggiavo con mia cugina quando incontro una conoscente con un po' di pancia in più rispetto all'ultima volta che l'avevo vista......" ciao !!! le dico,auguri!!!
Lei mi risponde: per cosa?
E io : o mamma mia!!! Ma non sei incinta?
Lei ridendo : NO!!!!!!!!!!!!!! E che mi sono un pò incicciottata!!!!!
Mamma mia ragazze!!!! Volevo morire!!!!!
Poi una risata isterica e insieme a mia cugina non riuscivamo più a guardarci negli occhi!!!!!
Non riuscivamo più a smettere dal ridere!!!!
Io penso che una figura così in vita mia non l'ho mai fatta!!!!! Ancora oggi ogni volta che ci penso inizio a ridere!!!!!

Ciao Tilly eccomi qua!! Non sapevo quale figuraccia raccontarti!!!! Per me queste situazioni sono all'ordine del giorno!!!!
Partecipo molto volentieri alla tua iniziativa!!!
Ciao a presto
Sabry

Milena ha detto...

Un giorno tornando dall'ufficio, su un autobus zona S. Pietro, incontro due turiste inglesi piene di zaini ecc. (erano appena arrivate a Roma), le quali mi chiedono informazioni su una via che stava a due passi da dove ci trovavamo in quel momento. Nonostante non avessi capito dove si trovasse la via o meglio avendola scambiata per un'altra che si trovava a circa 6/7 Km da lì, per fare la splendida dico loro in inglese che le avrei accompagnate molto volentieri con la mia macchina che stavo andando a prendere. Partiamo e quando arriviamo dove io pensavo fosse la strada mi rendo conto dell'errore e le scarico praticamente al volo prima ancora che si potessero accorgere della gaffe. Ancora oggi penso a questa cosa con terrore, non l'ho raccontata mai a nessuno questa è la prima volta.
Non ho più dato indicazioni di vie a nessuno !!!!!
Milena

raggioverde ha detto...

Vediamo un pò: cosa ti racconto? Forse di quella volta che si era in pizzeria con le amiche, io sto tagliando la pizza quando lo spicchio in questione vola letteralmente via dal piatto atterrando miracolosamente nel piatto della mia amica di fronte. Mi vengono le lacrime dal ridere ancora adesso. Molti clienti della pizzeria hanno seguito la scena. Non si è nemmeno sporcato nessuno. Ciao. Giusy.

Paola - La Stanza Creativa di Paola ha detto...

Ciao Cara, allora, vuoi che ti racconto di quella volta... tanti tanti tanti anni fa,mentre cercavo affannosamente un modello di giubbotto all'epoca molto in voga, rivistando tra gli appendini, un po di lato ne ho trovato uno che avrebbe fatto proprio al caso mio.... colore... taglia.... prendendolo in mano e alzandolo ho esclamato ad alta voce verso la mia amica: "guarda quaaaaa....eccccoloooo ... l'ho trovatooooooo!!!" .... effettivamente nell'alzarlo ho notato che era un po troppo pesante, della serie "ho le tasche piene" ,ma non ho fatto nemmeno a tempo a realizzare il tutto che la vera proprietaria del giubbotto mi si è avvicinata e gentilmente (per fortuna) con il sorriso sulle labbra mi ha detto.... "heeeemmmm... veramente quel giubbotto non è in vendita.... è il mio!! l'ho solo appoggiato lì per provare questo.....(mostrandomi quello che stava indossando)" ...... sarei voluta sprofondare... però anche lei, cavoli.... non si mettono i giubbotti personali assieme a quelli in vendita.. giusto??? a cosa servono i camerini o le amiche al seguito???!!!! eeeeeee!!!
bene... posso essere ammessa a partecipare al concorsino???
Un augurio speciale di Buon Lavoro all' Egregio Illustrissimo Sig. Notaio... che poverino.... si è fatto male!!
Tilly... sono preoccupata anche per te... non pensare....ma il lavoro tu l'hai già fatto...in questo momento mi preoccupo di più per la salute del Sig. Notaio che nei prossimi giorni dovrà svolgere un duro e arduo compito... sorteggiare la vincitrice!!

(scherzo... per fortuna è andato tutto bene e gli Angioletti hanno fatto il loro lavoro.... bacioni a tutti e due e guarite presto!!! *_^)

anna maria ha detto...

Al solo pensiero divento rossa!!!
Circa 10 anni entrai in un negozio per acquistare degli stivali.Io dicevo alla commessa di darmi il 38 lei mi consigliava il 37 in quanto calzavano abbondandi io titubande accetto di misurare il 37...metto gli stivaletti ma mi stanno scomodissimi e così con fare un pò incavolato faccio notare alla commessa che avevo ragione io e le dico:"..ma secondo lei io non so qule sia il mio numero?!?" e lei mi risponde:" ...saprà anche il suo numero ma forse non sa la differenza tra scarpa destra e scarpa sinistra!".....le avevo messe all'incontrario!!!!VERGOGNA....VERGOGNA!!!

Tilly ha detto...

fino ad ora abbiamo 6 simpaticissime concorrenti, che appunto molto simpaticamente si sono messe in gioco per gioco...
vorrà dire che se rimarranno 6 il Notaio non farà fatica a fare l'estrazione!!!

poppy ha detto...

premessa,abito a cagliari quindi mare,zanzare,fenicotteri e umidità.
la settimana scorsa mi trovavo nelle alture nei pressi di balingen ridente e congelata cittadina della germania,bardata come un palombaro a lanciarmi con lo slittino per il pendio GHIACCIATO!!!
folle velocità
cerco di evitare la foresta (nera?)che si avvicina sempre più velocemente mentre mi precipito a valle,sterzo con le reni(ho le reni?) e VOOOLO atterrando col corpo accartocciato sul ghiaccio.
pare ci sia ancora il calco della mia faccia..
bella figurina no?

ciaaooo
rachela

CLAUDIA ha detto...

Cara Tilly, come mi piacerebbe partecipare al tuo concorsino .... ma proprio in questo momento non mi viene in mente nulla... sto pensando.... a ecco, forse ci sono: tanti anni fa avevo appena fatto la patente dell'auto e avevo l'abitudine di chiudere sempre l'auto con il bottone (invece che con la chiava). Fatto sta che una volta, in città, ho chiuso l'auto in quel modo .... ma ho lasciato le chiavi dentro!!! Per fortuna era estate e avevo lasciato appena un po' aperto il finestrino. Così, vicino al parcheggio ho trovato un bidone della spazzatura dove qualcuno aveva buttato una scatola di legno di quelle per la frutta. Ho spaccato via un pezzo di listella in legno e ho provato a vedere se con questa riuscivo ad abbassare il finestrino dell'auto facendo scendere la manovella. Il tutto sotto lo sguardo un po' incuriosito dei passanti ... per fortuna non é passata la polizia, altrimenti avrebbero pensato che stavo rubando l'auto....
Alla fine.... missione compiuta: non ho mai più chiuso l'auto in questo modo!!!!

Ciao
Claudia

Tilly ha detto...

Situazione attuale:

gentili lettrici:
Poppy
Raggio Verde
Anna Maria
Claudia
Recuperando
Paola

gentili partecipanti:
wonder Perlina
Milena

letizia ha detto...

Di figure ne faccio spesso ma quella che più mi è rimasta impressa, nel vero senso della parola...è quella in cui mentre camminavo x strada con mio marito ad un certo punto mi sono voltata perchè mi sembrava di aver sentito il mio nome quando mi sono rigirata era troppo tardi per accorgermi che davanti a me c'era......un palo della luce!!!!!mamma mia se ci ripenso mio marito che dopo essersi assicurato che non mi fossi fatta niente è scoppiato a ridere, delle persone che passavano di là cercavano di essere serie ma c'era poco da fare.
Il peggio è stato spiegare a chi mi chiedeva come mi fossi fatta quel bernoccolo, tutti che cercavano inutilmente di nn ridere e io che ogni volta mi sentivo sempre più ebete...Va bè spero che questa mia disavventura serva almeno a qualcosa ciao Letizia
PS molto bella la borsa

Tilly ha detto...

Un altro bernoccolo - come ti capisco!!
Purtroppo l'estrazione è già stata fatta, ma ti ringrazio di aver partecipato!