domenica 18 dicembre 2011

Sottopiatti e biglietti natalizi

O al contrario biglietti natalizi (cartoncino di ri-uso, punzonatrice, forbice con bordi ondulati, pannolenci verdi e rosso, fustella natalizia Big Shot, vinavil, colla glitter rossa, colla glitter verde, colla glitter bianca).
E altra coppia di sottopiatti per fare il cambio.



Le foto come al solito sono pessime. Ma io ci provo, ci provo... a migliorarle... è che anche oggi mal di testa a go go... e in più mi sento lingua e penna legate... però grazie per i commenti al post precedente... approfitto per ringraziare qui...


Mi sà che se prossimamente vedo Babbo Natale gli chiedo che si porti via un pò di stress....


Buona settimana prossima pre natalizia!!!!

sabato 10 dicembre 2011

Fantasmino mobile natalizio

Insomma... cominciare l'avevo cominciato e quindi mi sembrava giusto finirlo.
Feltro, timbrini, glitter, anello in metallo ricoperto di cotone nonchè campanellini dorati (e quindi a darci una scossetta tintinna...


Per questo Natale il minimo sindacale è assicurato.

Buon fine settimana.

martedì 6 dicembre 2011

Borsello in stoffa

In questo periodo non è che ho tanta voglia di trappolare... o meglio è quel che pensavo fino a ieri pomeriggio.. un pomeriggio intero speso nel tentativo di combinare delle decorazioni natalizie con il feltro.

La tesi era: e che insomma, sono proprio l'unica a non fare nulla per abbellire il Natale?

Giammai! E allora giù a timbrare, cucire , fustellare, glitterare.

Solo che .. a parte l'applicazione del glitter ... una noia mortale... e il lavoro richiederà ancora un ulteriore pomeriggio per essere terminato...

(Non che le decorazioni non mi piacciano. Quelle degli altri si. Farle io proprio no.)

Oggi proprio non sarei riuscita a continuare.. e invece, mi frullava il pensiero che è un'onta bell'è buona che mamma esca senza borsa, visto che tutte quelle che ha sono troppo ingombranti e mal si combinano con l'ingombro di grucce o girello.

Quindi ne è uscito questo borsello leggero e di dimensioni ridotte, ma che almeno riuscirà a contenere lo stretto necessario.

Il modello è stato preso da uno dei miei libri preferiti giapponesi e se si guardasse l'interno, si noterebbe che ho dovuto, visto il poco tempo, tirar necessariamente via..
Alla fine posso dire d'esser contenta per due ragioni: per il risultato ottenuto in un solo pomeriggio (di solito per fare una borsa mi ci vuole almeno un mese!!) e per il fatto che non è che non abbia voglia di trappolare... la voglia c'è ancora... sempre che siano borse però...

giovedì 1 dicembre 2011

ESTRAZIONE COMPLIBLOG... OGGI!!!

Ed ecco arrivato il giorno dell'estrazione del compliblog anomalo.... ma prima di procedere devo assolutamente ringraziare tutte le gentilissime partecipanti (come mi è stato fatto giustamente notare ben più delle cinque che avevo preventivato!!).


e quindi... GRAZIE A TUTTE PER AVER PARTECIPATO!!



Ma passiamo ora all'estrazione... con il signor Notaio avevamo anche fatto un filmato sulla cosa, visto che la compattina li permette, ma evidentemente c'è quella cosa del formato non tanto compatibile e quindi, nisba...



Dovrete accontentarvi della solita trita e ritrita foto dell'urna con i bigliettini
e della manina dello stesso signor Notaio che mostra il biglietto estratto..
e il nome della vincitrice... FLAVIA!!!!!!!!!!!!
Carissima! Spero che la borsina ti piaccia (e che non sfiguri troppo vicino alle tue creazioni!!).. e che dire ancora? (mi stò ripetendo terribilmente.. questo post è eguale eguale al post del compliblog precedente..) Beh certo! Mandami il tuo indirizzo!!

giovedì 10 novembre 2011

Compliblog .... CHI C'E' C'E'

Allora.. mi concentro perchè ho alcune cose da dire...

Questo è un compliblog.. ovvero.. non proprio in senso stretto perchè la data esatta è caduta già da lungo tempo. Ma tanto io ho un pò in fastidio le date canoniche.... nel senso... secondo me si deve festeggiare da quel giorno in poi, mica obbligatoriamente il giorno stesso.

Facciamo un esempio. Il Natale. Il Natale c'è solo un giorno all'anno.. Finito il giorno finito tutto. O l'esempio degli anniversari di matrimonio.. il mio decimo l'ho festeggiato l'anno dopo... e il ventesimo ancora stò pensando che fare (e anche qui è passato un anno buono dalla data certa). Insomma per me le ricorrenze è come ti dessero un buono... spendibile quando hai le idee chiare...

ma stò divagando..
passiamo alle regole, che sono molto semplici, giusto un paio:
1) lasciare un commento a questo post
2) non fare alcun tipo di pubblicità a questo compliblog.
E questo per una ragione molto semplice... mi va di dedicare in esclusiva questo compliblog a chi già passa di qua di suo, insomma chi c'è c'è.. fossero anche solo quattro partecipanti (e nel caso meno lavoro per il mio estrattore di fiducia, l'ormai mitico signo Notaio).
Il vincitore riceverà come pensiero questa borsa all'uncinetto con tag glitterata (e spero si dica proprio tag e non etichetta!!)
vista da sopra
particolare dela tag brilluccicosa
e le cui dimensioni sono di base 30 cm e imboccatura 34 cm.



Quindi una borsa abbastanza pratica, da usare realmente ( qui sopra il contenuto presente nella stessa nelle foto precedenti..)

Che resta da dire?? ... ah si... si può commentare fino al 30 NOVEMBRE 2011 e l'estrazione avverrà il giorno dopo...
P:S. Fermo restando che, se poi chi vince ci fa un posticino sopra mica la cosa mi spiace...

domenica 30 ottobre 2011

Borsa d'autunno

In questo periodo lo stress mi è arrivato a livelli inimmaginabili, tanto che ho avuto mal di testa per tre giorni consecutivi.. ma nonostante questo o forse proprio per questo ho voluto completare questa borsa che per i colori definirei proprio.. autunnale...

Ancora la lana che si infeltrisce... (residui per essere chiari.. dell'altra borsa, la "principale" fatta di rombi e triangoli, che però non mi convince perchè dopo l'infeltritura è diventata rettangolare e non sò proprio se mai la finirò), i manici di canetè largo circa 4/5 cm piegati in tre, la fodera color ecrù che costa proprio un niente perchè è tessuto per tappezzieri (taaaaaanto alto) e che ha quell'aria ruvida e vissuta che mi piace tanto, i cordini fatti con il tricotin e con i due alamari sempre in tinta e per finire le foglie color panna chiaramente by Bigshot.
La foto poi non mi è venuta neanche malaccio... con la macchina finalmente in manuale, mentre quella sotto è un pò scuretta.. ma insomma... c'è già un piccolo miglioramento rispetto al solito!!!!

Quindi questa domenica qualcosa ho fatto anche se il mal di testa è ancora in agguato... domani magari cercherò di rilassarmi un pochino, che la cosa aiuterebbe molto.. solo che di questi tempi, ma come si fa a rilassarsi??

Buona settimana (si spera...)...

domenica 23 ottobre 2011

Abilmente edizione autunno 2011

E puntuale si è svolta anche quest'anno l'edizione di Abilmente autunno.

Ecco... questa domenica... gente, gente, gente, gente...una marea di gente: donne soprattutto, ma anche coniugi uomini di tutte le età e bambini.. una bolgia che mai in vita mia avevamo visto (io e il signor Notaio).

In coda tra gli stand per passare, in coda per potersi affacciare ad ogni stand, in coda per poter catturare l'attenzione delle venditrici, in coda per pagare... insomma una cosa veramente terrificante.

Da un lato la cosa fa piacere... dall'altro dispiace perchè più che vedere le meraviglie in esposizione (e acquistare cose nuove) ci si è limitati a stand mirati e ponderati anticipatamente.

Ovvero:

1) timbri gatti e lettere, tampone mini di inchiostro per tessuti e fustella natalizie ad Impronte d'Autore

2) riduttore per telai rettangolari e telaio per cinture entrambi knifty knitter a Tombolo e Disegni (dove c'erano anche dei fantastici e costosissimi infinity loom oltre a numerosi telai di varie marche e tutti i knifty)

3) gel per trasferimento immagini su stoffa.. questo non sò dove...

lo stand era verso l'ingresso ovest.. avevo visto il prodotto. mi ero messa in coda ma, visti i tempi bliblici per il pagamento avevo desistito... fortuna che al ritorno ci siamo ricordati dove fosse e abbiamo fatto l'acquisto.

La primavera scorsa trovammo più gente di giovedì che di domenica.. vai a sapere qual'è il giorno migliore...
Unica consolazione: mi resta il catalogo con gli indirizzi internet.... dal vivo sarebbe stato meglio, ma forse riuscirò a vedere qualcosa di più prossimamente su pc.
Buona settimana!

domenica 9 ottobre 2011

Sottopiatti

In questo periodo stò continuando la mia opera di utilizzo del materiale giacente in casa. E a volte a questo, da me stessa medesima acquistato, si aggiungono filati che la mia cara mamma prima compra e poi scarta per vari motivi. E che dopo mi rifila... tanto per le borsette si può usare di tutto e quindi!!

(Tra parentesi mamma è ormai a casa - dopo aver passato il periodo dal 15 giugno al 24 agosto tra ospedale e casa di cura per la riabilitazione - e anche se non è tornata come prima almeno con le stampelle o un attrezzo apposito con ruote riesce ad avere un minimo di indipendenza per muoversi in casa a al supermercato)

Quindi, tornando ai filati... ecco... di idee di borse con questi colori .. ecco.. proprio neanche l'ombra di una ispirazione, mentre dopo attenta riflessione ho pensato che sarebbero stati necessari dei sottopiatti e allora ecco i sottopiatti.

Però sono sottopiatti, non tovagliette all'americana... e misurano 21 x 21 cm... che se fossero stati più larghi ci sarebbero state sopra le posate (e quindi si sarebbero sporcati in continuazione) e se fossero stati come le normali presine il piatto ci sarebbe stato sopra giusto giusto, cosa che non volevo.

Unico inconveniente è che più passa il tempo più mi piace il lavoro con uncinetto nr. 2, 2 1/2 e quindi ogni giro sono 50 punti per più di altrettanti giri in altezza e solo per un lato.. e moltiplicando i lati per 4 ci sono una marea di piccoli punti da fare..

Per presine o sottopiatti non trovo poi indicato il traforato, ovvero laddove le mani vengono a contatto con i tegami .. BOLLENTI..... (sempre che non si stia disquisendo di presine a scopo puramente estetico, oviamente) e quindi ho utilizzato dei punti pieni semplici ma con un pò d'effetto.

Magari ne farò altri due, e questa volta forse traforerò un pò.. di filato ne ho ancora.. tanto!

Le borsette che ho in cantiere invece attendono il passaggio fodera.. chissà.. magari oggi che è domenica troverò un pò di tempo da dedicare a questa operazione.

giovedì 15 settembre 2011

Berretti, sciarpe, guantini, polsiere ovviamente... sempre knifty knitter!

Domenica scorsa avevo mal di testa.... come questa mattina.. (e come venerdì scorso)... insomma l'autunno, perchè prima o poi arriverà pure l'autunno e noi ci si potrà dare le colpe di tutto, arriverà, e l'autunno per me vuol dire appunto mal di testa.

Quindi per il momento soprassiederò ai tutorial limitandomi alle mere fotografie (per il momento ancora un pochino pessime, ma conto di migliorare ben presto) del mio lavorio estivo..

Berretto (in misto lana) con guantini coordinati

Berretto grigio chiaro e canna di fucile (in filato sintetico - l'esperimento del bordo non è proprio eccezionale, ma è appunto un esperimento) con guantini coordinati

Berretto a tre colori (in filato sintetico) con sciarpa coordinata
Berretto rosa (in filato sintetico) con la stessa sciarpa

Berretto turchese (in filato sintetico) con guantino e polsiera doppiati (e quindi super caldi e da usare per i dolori della vecchiaia incipiente.....)


A posteriori è chiaro che il misto lana è certamente più carino, ma la lana, ahimè mi si infeltrisce (e soprattutto si stringe, perchè se si infeltrisse solo non me ne potrebbe importar di meno...).


Insomma l'inverno è quasi a posto, anche se conto di trovare nel prossimo Abilmente qualche bel gomitolo fantasia (magari in filato sintetico)... e poi ho un sacco di altre cose da fare che mi aspettano.... risistemare il giardino, accorciare dei pantaloni, fare dei pantaloni e delle fodere di borse nuove, assemblare un paio di borse spesa per l'associazione, pulire il garage, preoccuparmi a tempo perso perchè entro un anno chiudono gli uffici e ci trasferiscono tutti.... eccetera eccetera....

Ecco.. magari all'ultima cosa è meglio che ci pensi poco... giusto per non aumentare il mal di testa...

domenica 11 settembre 2011

Berretti filato Cancun con telai knifty knitter

Ed ecco un primo assaggio dei miei lavoretti delle vacanze.. niente di complesso è chiaro, perchè a farla da padrone qui è stato soprattutto il filato, acquistato in loco.



Ehhhhhh... non è che appunto siano due berretti tanto diversi... il primo a destra presenta una trama più leggera e il secondo una trama più compatta e quindi adatti quando fa meno o più freddo, il tutto ottenuto con l'utilizzo dei punti diversi.I punti... ecco... qui casca l'asino...Le istruzioni in forma sintentica si trovano qui nel post odierno, ma ho omesso del tutto di illustrare i punti.



Insomma, su you tube non si trovano altro che video e di pubblicazioni ce ne sono anche parecchie... come ad esempio questa che consiglio vivamente e che si può reperire qui per una somma super conveniente e alcuna spesa di spedizione.



Però diciamola tutta.... ci ho provato (e riprovato e riprovato) a fare qualche foto con i punti... ma è risultato tutto terribilmente sfocato... avessi il tempo mi ci vorrebbe un bel tutorial per non fare fotografie terribili...



Buona settimana!

Berretti filato Cancun con telai knifty knitter

I seguenti berretti sono stati fatti con due telai diversi:
il primo a sinistra (visivamente più largo) con il telaio viola rotondo a 48 pioli
il secondo a destra (visivamente più stretto) con il telaio rettangolare a 62 pioli.
Filato utilizzato: misto 75%lana, 25% acrilico - 50 gr. - mt 100 circa.



Primo a sinistra:

giro 0: Sul telaio viola fare un nodo semplice sul piolo laterale sporgente del telaio, quindi impostare i punti sui pioli avvolgendoli in senso orario.
giro 1: lavorare tutti i pioli a punto knit
giro 2: lavorare tutti i pioli a punto e-wrap
Ripetere la sequenza dei giri 1-2 e dopo 3/4 giri sciogliere il nodo fatto all'avvio, quindi proseguire il lavoro fino al giro n.20 a punto e-wrap.
giro 21: portare sopra i punti del giro n.20 i punti del giro 0 come illustrato qui però, invece di chiudere le asole come indicato fare un nuovo giro a punto knit prendendo con l'uncino insieme i punti del giro 20 e del giro 0 insieme come fossero uno solo.
giro 22 e seguenti: continuare la lavorazione alternata di knit ed e-wrap sino a raggiungere la lunghezza desiderata (in questo caso 26 cm circa).
A questo punto tagliare il filo lasciando una lunghezza residua di circa 30/40 cm.
Con un ago da lana passare il filo residuo all'interno di ogni asola e quindi rimuoverle dal telaio. Tirare delicatamente il filo per chiudere completamente l'apertura e fermare il filato sul rovescio del berretto.




Secondo a destra


Giro 0: sul telaio rettangolare fare un nodo semplice su uno dei due pioli sporgenti del telaio, quindi impostare i punti sui pioli avvolgendoli in senso antiorario.
Giro 1 e seguenti fino al giro 20: lavorare tutti i pioli a punto knit, sciogliendo il nodo semplice dopo 3/4 giri di lavoro.
Giro 21: portare sopra i punti del punto 20 i punti del punto 0 come descritto nel berretto sopra, con l'avvertenza di fare questa operazione con molta cura, perchè essendo questo il telaio rettangolare l'operazione è decisamente più difficoltosa.Giro 22 e seguenti: continuare la lavorazione a punto knit fino a raggiungere le dimensioni desiderate (cm. 25 circa), chiudere come descritto nel berretto precedente.

domenica 28 agosto 2011

Ritorno a casa...

Domani si torna al lavoro... ma domani è domani e oggi è ancora vacanza.

Quest'anno, per la prima volta da un... fantastiliardo di anni... abbiamo veramente "staccato".


Tre settimane in montagna, a circa 700 - 800 metri, fuori dal paese principale (Fiera di Primiero) in un mini un pò vetusto (e da trattare con qualche accorgimento tipo: non appoggiarsi alle piastrelle del bagno per evitarne la dipartita, oppure mettere la centrifuga della lavatrice non al massimo dei giri per non avere super vibrazione di tutti i vetri di casa) ma con il suo necessario e soprattutto con una incantevole terrazza con vista.

E che vista...


Per tre settimane abbiamo pensato solamente a fare un pò di spesa, lavare massimo due panni ogni tanto (giusto per non sfigurare nei confronti dei vicini), passeggiare in paese oppure nei dintorni (e sempre rigorosamente su strada), e soprattutto a stare in terrazza a gustarci il panorama, osservando il trenino che passava, i corvi che passavano, le rondini che passavano, le nuvole che passavano.

Beh, comunque qualche lavoretto l'ho fatto. e quasi tutto rigorosamente in terrazza...
ma ne parlerò prossimamente...

sabato 6 agosto 2011

CHIUSO PER FERIE

Tilly è un pò stanca...
Tilly da metà giugno ha accumulato un surplus di 1500 km di autostrada.. e ne ha ricavato un bel bonus "maldischiena"..
Tilly va quindi in ferie e chiude il blog... e non che prima fosse proprio molto aperto, ma insomma..
Per la cronaca mamma di Tilly è in fase riabilitativa e quindi viene lasciata nelle capaci mani di fratello di Tilly, cognata di Tilly e papà di Tilly.
Tilly si porta via ferri, uncinetti e knifty knitter (e il DS naturalmente)...
chissà che al ritorno ci sia qualcosa da mostrare...

BUONE FERIE!!!!

venerdì 22 luglio 2011

Portafogli in stoffa "cose in casa"

Per fare un pò il verso alla pubblicità che si occupa di una catena di negozi fai da te, ecco un portafogli della serie "cose in casa" (come la borsa precedente insomma), ovvero prodotto senza fare alcun (ulteriore) acquisto.


Avanzo per il top proveniente dalla famosa borsa da guerra, applique di tessuti vari residuati da capi di vestiario, inserti in jeans elasticizzato eccedente dalla lunghezza di alcuni pantaloni, cerniere ricevute in scambio o acquistate ere fa, perlona la cui gemella ho usato mi par l'altr'anno.
Cuciture volutamente a vista e rustiche con filo che mi era servito per una giacca corta.
Il verde non ricordo... ma è saltato fuori dalla cesta dei rimasugli...





Certo.. non è un prodotto di "fino" ed è venuto un pò grande rispetto agli intendimenti iniziali. Soprattutto il top. E poi questo è il secondo top. Il primo era inspiegabilmente piccolo e l'ho dovuto rifare (sigh..).


Ma tant'è.. anche troppa grazia che sia riuscita a trovare il tempo per questo portafogli. Mamma è ancora in ospedale e pur se è passato più di un mese dalla caduta, le radiografie hanno rilevato che ancora non è possibile mettere peso sulla gamba operata.


Quindi lavoricchio nei (pochi) momenti liberi... o diciamo che comunque, anche avessi avuto più tempo e il risultato fosse stato eguale, insomma... sono arrivata alla conclusione che per me questo è comunque un hobby che deve restare un piacere e una valvola di sfogo senza ansia da perfezione!


PS: ma qualcuna mi può spiegare perchè quando si commenta su alcuni blog risulta ancora l'account mentre in altri per non passare per anonimi tocca mettere l'url? Perchè con l'url in realtà chiunque si potrebbe spacciare per chiunque... o no?

Buon fine settimana...

domenica 10 luglio 2011

La quiete della campagna (?)

Mi pare di ricordare che in non sò quante poesie dei tempi andati viene magnificata la quiete e la pace della campagna. Ora io non sò a quali rumori fossero abituati i nostri nonni e i nonni dei nostri nonni, ma io, che attualmente in campagna ci vivo, trovo che non ci sia tutta questa quiete.
Specialmente d'estate.
Per fare un esempio questa mattina il galletto nano dei vicini ha cominciato a cantare, beh cantare è un eufemismo perchè essendo nano e giovane fa un verso più che altro da ubriaco, specialmente ai primi vocalizzi, .... dicevamo... ha cominciato a berciare alle 4.30 circa.
Un verso, pausa di dieci secondi, un verso, venti secondi, replay...
Adesso che sono le 8 e 09 minuti ha aumentato la frequenza e in più gli risponde un pennuto che abita in un pollaio vicino.
Il merlo, sentito il gallo, non è da meno, e non meno rumoroso, specialmente se ti si mette sul tetto di casa, praticamente a 4/5 metri dalla finestra che, per ovvie ragioni di afa, si è costretti a tenere, se non aperta del tutto, almeno in gradazione.
Il concerto dopo un pò diventa generale.. diciamo che il rumore che mi dà meno fastidio è quello della rana dello stagno (artificiale) del vicino, che se anche gracida tutta la notte fa un suono che trovo quasi... gradevole.
L'apice comunque non è di quest'anno... un paio di anni fa in zona era comparso un usignuolo, che ho scoperto a mie spese, canta TUTTA la notte.
Comunque non è che quando stavo in periferia i rumori fossero meno... rumorosi.
Da ragazza vivevo in prossimità della famigerata tangenziale di Mestre (Venezia) e annessa entrata autostradale.
Ma il rumore è rumore ed è, almeno per me, estremamente fastidioso.
Che lo faccia un pennuto di foggia varia (pregate di non andar mai ad abitare nelle vicinanze di un allevamento di faraone...) o che lo facciano delle auto.
Specialmente se fa caldo e si è stanchi.
Parecchio stanchi.
Sarà per questo che io amo tanto le piante?
(sanseveria cilindrica)
Perchè non fanno rumore?

domenica 3 luglio 2011

Borsa in stoffa "quel che c'è"

Anche se il mio tempo libero ultimamente non è proprio tantissimo (ma mamma stà benino e quindi son contenta), qualche lavoro riesco comunque a farlo, o in ogni caso a terminarlo.
In questo caso questa borsa in stoffa è il risultato dell'ansia che mi era presa con la lana, ansia passata a stoffe e accessori... ovvero... è proprio il momento di utilizzare "quel che c'è" in casa, anche perchè, appunto, non mi manca proprio niente...
Si fanno dei pantaloni? residuano sempre dei pezzetti di stoffa... c'è qualche dubbio sull'uso o meno del canetè.. prendiamolo lo stesso che prima o poi tanto si usa... feltro viola? volevo fare una borsa così un paio di anni fa e poi me ne è mancata all'ultimo la voglia... e così via...

L'unica cosa che mi spiace è che vorrei essere un pò più fantasiosa o meglio più disinibita.. perchè l'idea iniziale prevedeva anche l'uso di colori per stoffa e glitter all'esterno, ma poi me ne è mancato il coraggio e ho optato per più classiche pailletes e perline.

Dopo aver cucito le stoffe e rinforzato m'è mancato il coraggio di sperimentare davvero.

E se fosse venuto fuori un pastrocchio?

Vorrà dire che andrò piano pianino con questa sperimentazione.

Il timbro della fodera, ad esempio, è stato successivamente colorato con i colori per stoffa... (tutte cose imparate dai blog di scrap chiaramente!!)
magari la prossima volta farò qualcosa di più esotico....

domenica 26 giugno 2011

Mamma e sanseverie

Per cominciare vorrei ringraziare per tutti i carinissimi messaggi di augurio ricevuti nel precedente post... per quanto riguarda mamma, per il momento le cose vanno benino, nel senso che è stata operata e adesso dovrà attendere almeno un mese per aspettare di caricare peso sulla gamba. A detta del medico la caduta è stata brutta e d'altronde l'avevamo capito perchè l'operazione per rimettere i pezzi a posto è durata ben due ore e mezza..


Per il momento più che altro siamo alle prese con problemi "pratici" perchè vivere a letto 24 ore su 24, al di là di quello che ti fanno in ospedale, è una vera impresa. A parte le cose basilari di competenza delle infermiere, il resto, come il lavarsi i denti, viso e piedi sono cose difficoltose, anche se comunque ci stiamo organizzando benino...


Quel che però mi stupisce è come pensino che un malato costretto a letto possa mangiare se gli portano per cena una mozzarella Santa Lucia chiusa in busta.... in più mamma ha un caratterino non da poco e purtroppo ci sente anche troppo bene.


Per fare un esempio ieri sera la cena consisteva appunto nella famosa mozzarella, zucchine in umido e riso.. boh... credo fosse al pomodoro. All'inserviente ha contestato che non era quel che aveva segnato la mattina e che allora era inutile che continuassero a chiedere visto che tanto vengono portate le cose a caso... l'inserviente le ha risposto che si contentasse di quel che passava il convento e che una volta le cose andavano peggio...


Beh.. forse scritto così non suona tanto male.. ma vi assicuro che i toni di entrambe erano decisamente bellicosi.... inutile i miei richiami a mamma... io capisco le sue ragioni, ma lì ci deve stare almeno un mese.. per non parlare del fatto che ha già questionato anche con almeno un infermiere.. ieri sono arrivata e il tipo, quando mi ha visto ha sentenziato... ah lei è la figlia della signora della stanza 30...


E in più il rumore continuo della gente che gira, degli infermieri che parlano, dei macchinari in funzione non la fa riposare.. con ulteriore peggioramento dell'umore tanto che stiamo pensando di portarle dei tappi per le orecchie.

Quel che mi consola è che ogni giorno che passa va un pò meglio e quindi ...


per augurare a tutte una buona domenica ecco le foto delle ultime fioriture delle sanseverie e un piccolo consiglio: nonostante quel che dicono i fioristi, queste sono piante da concimare periodicamente come piante grasse che, una volta che il vaso sia pienotto, devono essere divise, cambiando la terra e tenendo solo alcuni esemplari, altrimenti, almeno a me, non fioriscono proprio...
Ah... e dimenticavo anche la foto di questa piccola grassa che avevo già da qualche anno e che non aveva mai fiorito in precedenza... insomma... non che io stessa sia poi così brava, ma a parer mio la pazienza a volte premia...

venerdì 17 giugno 2011

Avviso

Mamma è caduta e si è rotta un femore.. a 86 anni non è uno scherzo... quindi per il momento un saluto a tutte e un arrivederci a presto.

sabato 11 giugno 2011

Borsa all'uncinetto colore ecrù

In genere non amo ripetere i modelli, ma a volte conviene fare un'eccezione, specialmente se il modello è semplice ma abbastanza d'effetto.

A differenza della borsa precedente, in verde e anteriore alla creazione di questo blog, ci sono i manici, di cui sono particolarmente contenta.

Semplici semplici come piace a me, poco costosi, robusti e in canetè. Un canetè di 5 cm messo doppio, cucito ai due lati e poi piegato a metà e cucito di nuovo in un lato.

Prima o poi ci farò un minitutorial, davvero...


Altra cosa che mi piace di questa borsa è la chiusura.
Le cerniere sono sempre brigose da attaccare e i bottoni non riscuotono la mia simpatia. Questo tipo di chiusura invece, che ho usato spesso, è semplice e facile. E soprattutto sicura.


Si fa un bel cordino con il tricotin, magari utilizzando due colori e si abbinano bottoni o alamari per le estremità.. un bel fiocco e la sicurezza è salva... Il filet è del tipo stretto: un punto alto e una catenella, e le decorazioni fatte usando colori e gomitolini residui.
A volte fatico molto e molto di più e ottengo molto meno.
E a proposito di fatica vorrei esortare tutti ad andare a votare domani.. che poi uno metta si no si no... votate quel che volete basta che andiate a votare..


Per quel che può valere la mia opinione in primo luogo è l'unico momento in cui ci viene chiesto veramente di esprimere il nostro pensiero, in confronto al quale ogni altra nostra espressione equivale alle 4 chiacchiere che si fanno al bar o fra amici.


In secondo luogo la mia anima ecologista freme di fronte al terribile spreco di denaro che significherebbe un voto (anche non conforme alle mie opinioni) privo del quorum necessario.. Non "sprechiamo" un nostro diritto...

sabato 4 giugno 2011

Fiori, prefiori e timbri di fiori...

La stagione è quella giusta e anche quest'anno le hemerocallis fioriscono
il caprifoglio fiorisce

le sanseverie stanno per fiorire



e i miei esperimenti con i timbri continuano..

Sento sempre più la voglia di sperimentare con timbri e colore e in genere le tecniche miste, ma la materia è decisamente ostica anche perchè a me interessano solo la stoffa e non la carta come supporto.


Ci sono un sacco di materiali e non è facile capire bene come usarli.. ad esempio mi intriga molto il trasferimento immagini su stoffa e avrei anche trovato un medium che crea un gel con cui si sposta la detta immagine... ma dopo come si incolla sul supporto di stoffa?


Mah...