venerdì 25 febbraio 2011

Poncho della Tilly senza testa

Questa settimana ho fatto parte della statistica dei 3/8 malati di influenza su mille... già le statistiche... che poi secondo me detti malati sarebbero anche un pò di più, metti l'esempio del mio collega che "allegramente" si trascina il bacillo (e ovviamente lo sparge in ufficio...) da ben due settimane..
Di buono c'è stato che con un pò di febbre sono stata a casa, e ho potuto terminare il ponchetto che tanto all'inizio mi aveva fatto penare.
Non che dopo mi abbia fatto penare meno.. però è stata l'occasione per imparare (si beh insomma...) a lavorare a ferri con il sistema continentale.

Non che sia convinta che il metodo che ho utilizzato sia proprio quello ortodosso, in particolare la presa del filo a dritto è stata un pò personale... ma: ho finito, e... chissene importa!!!!
E c'è da aggiungere che il filato è stato MOLTO generoso, nel senso che non essendo proprio liscio liscio ha coperto le innumerevoli imperfezioni nella tensione.
Mi spiego: secondo la dritta della mia venditrice di fiducia avrei dovuto fare il giro a dritto con un ferro e quello a rovescio con un ferro superiore.
Questo però se avessi usato il sistema normale.
Con il continentale la tensione mi si è rovesciata, ma io niente! ho tenuto il ferro più grosso per il giro largo e il ferro stretto per il giro stretto...
Così.. per pigrizia...

e quindi (tanto perchè celebrarla.. mi fà male anche oggi)... sono decisamente una Tilly senza testa!!
Buon fine settimana!!

venerdì 18 febbraio 2011

Guantini con knifty knitter... l'evoluzione della specie...

In questo periodo (invernale) più che fare poco fotografo poco.. ma di questi bisogna proprio che lasci una blog traccia, anche perchè tra un pò, visto l'arrivo della bella stagione, saranno da riporre..
Patita come sono del cotone, una delle cose che digerisco poco della lana è che non ci sono misure standard... si lo sò che sulla fascetta ci sono i ferri consigliati, ma con il cotone è un'altra cosa.
Con la lana il discorso si fa più difficile, e a maggior conto per il fatto che lo lavoro per lo più con i knifty knitter che sono di misura standard.
Ovvero... variano i numeri dei pioli dei vari telai, non le misure dei pioli stessi (a meno che non ci si faccia un telaio casalingo con i chiodini - ovviamente -).
Quindi è come se con lo stesso paio di ferri, mettiamo un 5 o un 6 circa ci si dovesse lavorare qualsiasi filato....
Questi guantini comunque mi lasciano abbastanza soddisfatta.. dal primo al secondo ho imparato a fare il risvolto sul polso e con il terzo ho persino fatto il corpo a punto purl... che poi a vederlo è un comune rovescio, ma con i kk diventa un pò macchinoso.

Il pollice rimane all'uncinetto.... avevo anche pensato di usare un ferro circolare ma per il momento la cosa è decisamente al di sopra delle mie possibilità..

Accidenti quanti puntini questa sera...
In ogni caso oggi a parte i guantini ho fotografato anche qualcos'altro...
Non è però un pò presto per le farfalle? Chissà se erano in letargo...

giovedì 10 febbraio 2011

Sono ai ferri...

In questo periodo mi girano in maniera decisamente vorticosa... che poi pensarci bene per identificarne il motivo è anche difficile... o forse è che è in arrivo la primavera, e io non amo particolarmente la primavera.
Non ho voglia di fare molto e concludo decisamente poco, cose anche necessarie come due paia di pantaloni già tagliati e imbastiti, ma che non mi riesce proprio di cucire...
In compenso, sempre motivata come sono nella mia campagna di esaurimento lana, ho forse trovato il modo per utilizzare un filato rosa che ho in discreta quantità, e che dovrebbe (condizionale) diventare alla fine un poncho, poncho per il quale ho rispolverato i ferri da maglia.
Già, sarà per questo che sono di cattivo umore.
Io detesto i ferri da maglia.
Li detesto perchè quando mi ci applico mi vengono dei dolori terrificanti.


A meno di non imparare un nuovo modo di tenere stì ferri, al ritmo di due giri al giorno forse il poncho lo finisco per il prossimo autunno...