mercoledì 6 marzo 2013

Sepolti in casa... bricolage...

L'aveva capito a suo tempo la mia terribile professoressa di italiano.
La bravura altrui mi mette in soggezione.. parecchia soggezione.
La suddetta se n'era accorta quella volta in cui mi ero proposta volontaria (!) per una interrogazione e feci invece scena involontariamente muta.
Blocco totale. Tilt assoluto.
Causa M. ... brava... bravissima... di livello superiore...che fu sentita prima di me...
Che successe?
Credo che allora sentii come se fosse stato ormai detto tutto. 
Che altro avrei potuto io aggiungere?
Così la prof mi consigliò, visto che era l'ultimo anno e mi aspettava la maturità, di non sentirla all'esame, quella compagna... e non è che fosse facile, visto che era appena prima di me nell'elenco delle interrogate agli orali, tanto che passai la mezz'oretta prima della mia personale esposizione perimetrando il corridoio, e quel che successe a lei mi fu poi raccontato.. ovvero che  litigò con l'esaminatore e mancò per un solo punto il fatidico 60 (che allora era il massimo).
Quando toccò a me non feci faville ma portai comunque a casa il risultato.
Quel che mi apparteneva.
Che definiva in pieno il mio percorso scolastico di allora.
Oggi come allora ci son giorni in cui mi sembra non sia cambiato nulla, e non tanto in campo lavorativo, perchè lì, beh il discorso è talmente complesso e surreale che se uno non lo vive o non conosce uno che lo vive allora non ci crederebbe neppure. 
Però nel campo del bricolage mi assale.
O forse non è tanto la bravura altrui che mi impantana, quanto la massa e la quantità con cui internet mi mette a contatto, e anche se mi rendo conto che la cosa è assurda qualche volta è come se ci fosse una partita: io contro il resto del mondo, ed è chiaro che in una partita così non si può altro che perdere.
Come ci fosse un meglio o un peggio.
Come se lo scopo non fosse quello di rasserenarmi psicologicamente e di svuotare la mente dalle preoccupazioni giornaliere.
Come dovessi sentirmi in colpa per il tempo che non dedico alla casa, chiaramente la mia per nulla tirata a lucido, o per i soldi che ci spendo, anche se praticamente sono i soli che spendo (videogiochi molto usati a parte).
E così passo dei periodi in cui contemplo sconsolata gli ufo e i materiali e le attrezzature che ho accumulato nel tempo, domandandomi se non sarò materiale per una delle prossime serie tv reality, magari dal titolo "sepolti in casa - bricolage", e contemplo la possibilità di procurarmi dei capienti sacchi della spazzatura e buttare via tutto... ogni singolo gomitolo, pezzettino o avanzo o scampolo di stoffa....
A peggiorare il tutto mamma, che recentemente ha voluto sbarazzarsi di alcuni tappeti (enormi) fatti all'uncinetto con filato sintetico, mai ma proprio mai usati, e che quindi stò riciclando disfandoli e rifacendoli in misure e usando i colori a me più congeniali.
Solo che sono talmente tanto materiale...
e l'ansia mi assale.. per non dire poi che questa settimana c'è Abilmente e sono più che mai combattuta.
Andare o non andare?
Perchè se si va è impossibile non comprare...

Ma poi.. mi serve davvero qualcosa?

7 commenti:

§©@Ʀ@ƁƠƆȻҥɪʘ ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
§©@Ʀ@ƁƠƆȻҥɪʘ ha detto...

Sulla base di quello che hai scritto e che mi vede concorde al 100%, perchè mi rispecchia davvero tantissimo sia psicologicamente che "attrezzisticamente" parlando, fossi in te, comincerei sin d'ora il mantra pre-Abilmente
"noncidevoandare
noncidevoandare
noncidevoandare
noncidevoandare
noncidevoandare
noncidevoandare".
Se proprio ti scappa e non riesci a farne in meno, scatta la fase B, il mantra n°2
"nondevocomprarenientehotuttoquellochemiservesonquisolopercuriosare
nondevocomprarenientehotuttoquellochemiservesonquisolopercuriosare
nondevocomprarenientehotuttoquellochemiservesonquisolopercuriosare
nondevocomprarenientehotuttoquellochemiservesonquisolopercuriosare
nondevocomprarenientehotuttoquellochemiservesonquisolopercuriosare", e se proprio ti scappa di comprare qualcosina, ecco farsi avanti il mantra n°3
"locomproperusarloentroquestasettimana
locomproperusarloentroquestasettimana
locomproperusarloentroquestasettimana
locomproperusarloentroquestasettimana
locomproperusarloentroquestasettimana".
Ce la puoi fare Tilly, ce la puoi fare, non sei sola in questo dramma, non sei sola!
Batti il 5, Sorella! ^^

cinziacrea ha detto...

Non ti posso che dar ragione su tutta la linea.
Praticamente ho ancora materiale che utilizzavo al liceo artistico, aggiungi che nel corso degli anni ho provato 1000000 tecniche e forse qualcuna di più....assembla il tutto con 30 anni di lavori nel campo........altro che sepolti in casa!!!
Non sentire nessuno/a, tanto son tutti diventati genialoidi....fai quello che ti pare e piace, quello che ti soddisfa e ti toglie dalla noia quotidiana, insomma pensa a te.
Per Abilmente e per tutte le robe del settore, ho sempre detto come la penso..........una roba che non tollero quasi più.......
però io sò strana assai, quindi.....fai come dice la sora Anna scarabocchiosa
Baciotti superscrocchiosi e buona giornata.
Ciaooooooooo
Vabbè, scusa il papironzolo

Tiziana ha detto...

E' bello rendersi conto che ci sono altre persone come noi in giro......., anche io sono una di quelle che conserva tutto, ma mi resta così difficile liberarmi delle cose.........e per non comprare, evito i negozi. Per fortuna che siamo in inverno e la voglia di uscire è poca.
Il consiglio di scarabocchio mi sembra adatto alla situazione.......
Ciao
Tiziana

Tilly ha detto...

Scarabocchio... Ah ragazza!!! Ma allora dimmelo che mi senti da lì.. dimmelo che senti la mia vocina (beh insomma.. vocina), i miei tentativi di autoipnotizzarmi!!!! Però fino al mantra 2 ho ancora un pò di convinzione... ma il terzo!! Lì mentirei sapendo di mentire!!!
Hai centrato infatti un bel "nodo", ovvero che capita che l'acquistato finisca direttamente in armadio.. anche se con i telaietti non è successo.. anzi!!

Cinziacrea - Anche tu hai centrato un altro "nodo".. gli anni e anni di accumulo, ogni volta acquistato con una idea in mente e poi magari soppiantato da nuovi progetti... Per quanto riguarda la fiera.. sai.. quel che mi piace è il poter toccare con mano nonchè la concentrazione di attrezzature e materiali. Per dirla tutta ho i miei stand preferiti, come Tombolo e Disegni, oppure Filmarket, una volta Agomago.. ma poi ci sono anche un sacco di cose che definirei semplicemente... "succhiasoldi"!!!!

Tiziana - Vero! Si pensa sempre che tutto servirà e non si getta via niente.. per non dire del fatto che appena lo butti via scopri che ti serve!!
Per il fatto di non girare.. sabato scorso il signor Notaio pensando di farmi cosa gradita mi ha portato in un brico center dove vendono prodotti Stamperia!!! E io non sono riuscita a dire di no!!!
Però sono stata brava e non ho comprato niente!!!
Ma ad Abilmente sarebbe dura... durissima...

wonder perlina ha detto...

cara Tilly! come ti capisco, come comprendo le tue pene! tieni duro, non andare e soprattutto non comprare o diversamente i sensi di colpa raggiungeranno livelli inimmaginabili.
ciao

Tilly ha detto...

Wonder Perlina - Grazie per il sostegno! Però temo non ci sia niente da fare...